Racconti attorno al fuoco


Oggi ti racconto una piccola storia su questo elemento: innanzitutto il fuoco sembra essere stato usato per la prima volta dall'Homo Erectus 1,5 milioni di anni fa, grazie al caldo e alla luce emanata, egli si mise in viaggio e affrontò i climi freddi, conobbe la caccia e si difese dai predatori.

ma non solo...

Uno studio pubblicato su focus ci racconta dell'importanza del fuoco per i primi ritrovi notturni, assembramenti in cui tessere relazioni sociali, creare forti legami ed esorcizzare le paure. Entusiasma scoprire che già i nostri antenati usufruirono di tutto questo! Puoi leggere qui l'articolo completo.

Il fuoco ha quindi un potere e una forza incredibile poiché ha permesso la creazione di veri e propri punti di incontro e la nascita della cultura. Quest’ultima concorre a formare l'individuo sul piano morale e intellettuale, facilitando la persona nell’ acquisizione del ruolo che più gli compete nella società! Inoltre narra della vita materiale, sociale e spirituale dei popoli e può essere usata per ricavare importanti informazioni storiche e antropologiche.

Durante questi ritrovi le persone esprimono sé stesse, riallacciano rapporti, danzano e raccontano storie e aneddoti. Il tema del racconto ritorna fino ai giorni nostri. Ricordiamo infatti la tradizione romagnola del Trebbo durante la quale le persone raccontano storie, recitano poesie mantenendo vivo il dialetto della zona. E questi racconti, come spesso accade quando cala la sera, portano anche il pensiero ad antenati e spiriti che diventavano protagonisti o addirittura le guide invisibili e benevole dei partecipanti. Una dinamica molto simile la troviamo anche in alcune società tribali dove avvengono anche importanti rituali di purificazione. Il fuoco può infatti raffinare e purificare (verbo italiano derivato dal sanscrito pur e dal greco "pyr": fuoco), oppure distruggere. È quindi un elemento bipolare. Questo elemento è stato per secoli la rigenerazione (ricordiamo il mito della fenice che risorge dalle ceneri), la purificazione, l'origine, la mediazione tra terrestre e celeste (Prometeo che rubò il fuoco agli dèi), la fecondazione, la divinità, l’attrattore irresistibile delle menti individuali e dei sistemi di cultura. In tutte le culture e società, questo elemento è da secoli apprezzato, ad esempio è essenziale nella settimana di Pasqua per tutti i cristiani, dove diventa canto, festa.

Ma è anche speciale per le tribù nordamericane che vi danzano attorno ricreando spettacolari rituali al fine di ricevere dagli dèi un buon esito nella caccia o in qualche altro evento, è ballo. E’ ritenuto da sempre un segno magico, soprannaturale, ponte con il mondo dello spirito, con la luce e il calore permette l'esistenza ma ha sempre la possibilità di distruggerla… Tutta questa tradizione che ha creato, ha gettato molta curiosità sugli esperti. In particolare, un riscontro empirico fatto di semplici testimonianze, ha provato che sedersi davanti al fuoco prima di addormentarsi rilassa la persona e sembra combattere lo stress.

Ti ho portato diverse definizioni di come può essere considerata questa luce che scalda ma anche molti esempi che ci hanno aiutato in un breve excursus storico.

Una domanda che allora viene spontanea alla fine dell’articolo è: come mai l’uomo abbia avuto questo bisogno di ritrovarsi attorno al fuoco. Una possibile spiegazione la porta Jeremy Rifkin, il quale ci definì civiltà empatica proprio a causa della propensione umana alla socievolezza e agli affetti, con l'impulso primario di appartenere.

L'empatia è una mano invisibile che permette alla nostra sensibilità di allinearsi a quella altrui, formando unità sociali estese, il fuoco non è altro che un aiutante della nostra civiltà. Nella nostra epoca dove ormai i social sono ampiamente diffusi e utilizzate… le nuove tecnologie potranno essere usate come il fuoco? E portare così ad estendere la nostra empatia all'intera biosfera? La serata del 30 luglio si terrà attorno al bagliore di un grande fuoco, un'esperienza importante per bambini di ogni età. L'evento sarà vissuto, sentito, respirato, ascoltato, tutte le cellule del nostro corpo si impegneranno di questa magia! Il falò illuminerà la spiaggia nella notte e aiuterà a creare un momento di intimità e di relazione.


Prenota il tuo biglietto

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti